Il progetto europeo SILMAS: analisi di metà percorso

20 luglio 2011

Il progetto europeo SILMAS (Sustainable Instruments for Lakes Management in the Alpine Space), pilotato dalla Regione Rhône-Alpes, a cui partecipa Arpa Piemonte in qualità di Project Partner, nelle scorse settimane ha presentato, sulle sponde del lago d’Iseo, un primo bilancio dei vari gruppi di lavoro.

SILMAS contribuisce a una migliore gestione e salvaguardia di 22 laghi alpini situati in Germania, Austria, Francia, Italia e Slovenia.
La Regione Rhône-Alpes ha richiamato con l’occasione l’attenzione sulla priorità di questo progetto: elaborare strumenti concreti di aiuto decisionale per i gestori dei laghi. I 15 partner europei del SILMAS, appartenenti a enti pubblici, istituti di ricerca ed università e agenzie regionali per l’ambiente, lavorano congiuntamente per mantenere tutta l’attrattiva e conciliare i diversi usi dei laghi alpini, pur preservandone il carattere eccezionale.

Gli obiettivi del progetto SILMAS sono lo scambio di esperienze, di studi, ma soprattutto la creazione di strumenti per una gestione e una salvaguardia sostenibili dei laghi alpini. L’incontro sul lago d’Iseo ha permesso ai partner di condividere lo stato di avanzamento dei loro lavori e di presentare il progetto e le sue sfide ai decision-maker politici internazionali e locali partecipanti all’evento.

Durante l’incontro ogni task force ha presentato i risultati dei propri studi arrivati a a metà percorso.
Arpa Piemonte, leader del gruppo di lavoro relativo all’analisi dei cambiamenti climatici, ha presentato le prime osservazioni sugli studi effettuati, che mostrano da un lato la spiccata variabilità climatica delle zone appartenenti allo Spazio Alpino e dall’altro il significativo aumento di temperatura (sia a livello globale che di Spazio Alpino) riscontrato negli ultimi decenni.

Il gruppo di lavoro produrrà scenari destinati ai decision-maker locali allo scopo di fornire loro il maggior numero di informazioni e tutte le chiavi di comprensione sul futuro del loro lago.
Il gruppo di lavoro condotto dalla Carinzia (Austria) lavora sui migliori metodi di governance per la risoluzione dei conflitti d’uso della risorsa idrica. In tale contesto, la Regione Rhône-Alpes ha presentato ai suoi partner europei l’esperienza dei contratti di bacino (lago e fiumi). La fase di attuazione di tali contratti è compresa tra 5 e 7 anni.
La Regione Provence Alpes Côte d’Azur e il Syndicat di Serre-Ponçon hanno presentato l’iniziativa di certificazione denominata Porti Puliti. Il consorzio per la salvaguardia del lago d’Iseo ha presentato un’iniziativa a favore della valorizzazione del lago per i turisti ed i cittadini rivieraschi.
Tutte queste testimonianze vanno ad arricchire gli strumenti strategici e le guide di « migliori pratiche » elaborate dal SILMAS per promuovere una gestione concertata e ottimizzata attorno ai laghi alpini.

L’ultimo gruppo, diretto dall’Istituto nazionale di Biologia della Slovenia, ha presentato i tre strumenti didattici implementati per comprendere meglio il funzionamento dei laghi alpini e la loro governance.
Il CISALB (Comitato Intersindacale per la Bonifica del Lago del Bourget) ha presentato il gioco interattivo che ha progettato, intitolato « Lake adventures », destinato ai bambini e ai ragazzi dai 5 ai 15 anni. L’obiettivo del gioco è far scoprire in modo divertente e didattico le varie caratteristiche di un lago e le sfide sostenute dal SILMAS. Sarà disponibile in download gratuito nella primavera 2012 su Internet.
L’Istituto Nazionale di Biologia della Slovenia ha presentato i centri d’informazione sui laghi alpini. Questi punti d’informazione, allestiti presso strutture già esistenti, frequentate dai turisti, proporranno al grande pubblico una mostra permanente sui laghi alpini.
Infine, l’Istituto dei Laghi di Carinzia ha illustrato i kit pedagogici destinati alle scolaresche per scoprire l’ecosistema dei laghi attraverso sequenze ludiche e una visita sul campo.
Tutti questi strumenti sono destinati a perdurare al di là della conclusione del SILMAS, prevista nell’agosto 2012.

Il progetto SILMAS si chiuderà nell’agosto 2012 con la presentazione delle conclusioni dei vari gruppi di lavoro e la condivisione delle esperienze in occasione della conferenza finale che si svolgerà a giugno 2012 in Carinzia.
Il 2012 sarà inoltre contrassegnato dall’organizzazione del 6° Forum Mondiale dell’Acqua che si terrà a Marsiglia dal 12 al 17 marzo.
Grazie alla Regione Provence-Alpes-Côte d’Azur, il progetto SILMAS vi sarà presentato per illustrare questi risultati e contribuire al dibattito su una buona governance dei laghi alpini.

Nel corso dell’estate 2012 un grande evento chiuderà questi tre anni di collaborazione.
L’evento, di portata europea, permetterà di far conoscere meglio al grande pubblico i laghi alpini e le loro problematiche. Sarà l’occasione per consentire l’accesso ai risultati dei lavori condotti e coinvolgere il maggior numero di attori nella salvaguardia e la conoscenza dei laghi.
« The Alpine lakes event » permetterà così di far conoscere il progetto SILMAS in occasione di una giornata di incontri, di scambi e di festa sulle sponde di 5 laghi, nei 5 paesi partner.

archiviato sotto: , ,

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it