Le reti di monitoraggio della radioattività ambientale

Le reti di monitoraggio della radioattività ambientale costituiscono lo strumento operativo attraverso il quale è possibile valutare l'impatto radiologico prodotto sull'ambiente e sulla popolazione da attività antropiche o dalla presenza di sorgenti naturali di radioattività.

Una rete di monitoraggio è costituita essenzialmente da un insieme di punti di campionamento di matrici ambientali e alimentari a cui vengono associate frequenze minime di campionamento.

Le reti vengono perfezionate sulla base di un accurato studio ambientale e vengono gestite attraverso uno specifico programma di campionamento. Per l'analisi dei campioni vengono scelti metodi di prova adeguati a soddisfare i requisiti stabiliti da oppurtune strategie di controllo.

Le reti di monitoraggio della radioattività ambientale sono gestite da ARPA Piemonte ai sensi dell’art. 104 del D. Lgs. 230/95 e della Legge regionale n. 5 del 18 febbraio 2010. Esse sono organizzate in:

- Rete nazionale/regionale, che di fatto costituisce l’articolazione piemontese della rete nazionale RESORAD (Rete di Sorveglianza della Radioattività Ambientale), coordinata a livello tecnico da ISIN.

- Reti locali di monitoraggio dei siti nucleari, attive intorno ai tre siti piemontesi di Bosco Marengo (AL), Saluggia (VC) e Trino (VC). Permettono di monitorare l'impatto radiologico prodotto dal normale esercizio degli impianti nucleari e di segnalare tempestivamente eventuali anomalie.

- Rete di Allarme Gamma Piemonte (RAGAP), istituita nel 2007 e costituita da 29 stazioni di misura della radiazione gamma, distribuite su tutto il territorio piemontese. Questa rete è uno strumento di prevenzione per situazioni anomale o incidentali in corso, in quanto è in grado di monitorare in tempo reale i livelli di dose gamma ambientali. Dal mese di marzo del 2011 i dati della rete RAGAP sono integrati con i dati delle altre reti gamma presenti sul territorio nazionale e partecipano al sistema comune europeo Eurdep (http://eurdep.jrc.ec.europa.eu/Basic/Pages/Public/Home/Default.aspx)

- Rete di monitoraggio delle acque destinate al consumo umano, istituita ai sensi del D.Lgs. 28/2016, che recepisce la Direttiva 2007/51/EURATOM che stabilisce requisiti per la tutela della salute della popolazione relativamente alle sostanze radioattive presenti nelle acque destinate al consumo umano.

 

 

 

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it