Radiazione ottica

 

La radiazione ottica costituisce quella parte dello spettro elettromagnetico delle radiazioni non ionizzanti che comprende la radiazione infrarossa (780 nm –1 mm), la radiazione visibile (380-780 nm) e la radiazione ultravioletta (180 – 400 nm).

La radiazione ottica può essere di origine naturale a causa dell’irraggiamento solare o di origine artificiale, a seguito delle emissioni da sorgenti quali lampade e laser. La radiazione ottica emessa dai laser viene denominata coerente, per esprimere così le specifiche proprietà di monocromaticità, direzionalità e elevata brillanza del fascio generato da tali dispostivi.

L’esposizione a radiazione ottica può essere un elemento di disturbo, come nel caso dell’inquinamento luminoso, oppure costituire un rischio per la salute umana, come nel caso di elevate esposizioni a radiazione solare o a sorgenti ultraviolette quali lampade abbronzanti. Per talune sorgenti quali ad esempio i laser di elevata potenza, le lampade germicide o i saldatori ad arco, la radiazione ottica emessa presenta una nocività tale che l’unica forma di protezione consigliabile è quella di evitare l’esposizione.

 

Ufficio per le Relazioni con il Pubblico

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it