Aria - Modellistica


Una sostanza  inquinante immessa in atmosfera in un dato istante e in un determinato punto del territorio  è sottoposta a molteplici fenomeni chimico-fisici, quali il trasporto dovuto all'azione del vento, la dispersione per effetto dei moti turbolenti dei bassi strati dell'atmosfera, l'eventuale trasformazione chimica e deposizione della sostanza stessa, per effetto dei quali è possibile ritrovarla, dopo un tempo più o meno lungo, in altri punti del territorio e con diversi valori di concentrazione.
La valutazione dei valori assunti dalla concentrazione di una determinata sostanza inquinante in tutti i punti dello spazio e in diversi istanti, costituisce l'obiettivo dei modelli di simulazione degli inquinanti in atmosfera. 
Esistono molteplici categorie di modelli di qualità dell'aria anche molto differenti tra loro per complessità e campi di applicazione. Questo implica che, prima dell'adozione e l’utilizzo di un modello, debba essere effettuata un'attenta analisi dei modelli esistenti in letteratura per scegliere quello più adatto alle proprie esigenze.

In generale comunque, per poter funzionare correttamente, un modello deve disporre di informazioni di ingresso quali:

• la schematizzazione fisico-chimica-matematica o statistica dei fenomeni di dispersione, trasformazione e deposizione;
• la caratterizzazione del territorio in esame (orografia, tipologia di uso del suolo);
• la  descrizione dei venti e della turbolenza atmosferica;
• la caratterizzazione delle fonti emissive.

Attività, servizi e controlli di Arpa Piemonte

Quale struttura di Arpa se ne occupa?

Documentazione e dati ambientali

Normativa

Progetti

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it